Il Festival Barocco e Neobarocco di Ragusa si sposta in Puglia

featuredmodelfacebook728x90

Dopo la più che positiva esperienza di Ragusa, il concept del Festival Barocco e Neobarocco ideato dall’architetto Roberto Semprini, si sposta in Puglia, nella location esclusiva di Castel del Monte, ad Andria, patrimonio dell’umanità UNESCO dal 1996.

Immero nella suggestiva ambientazione di Castel del Monte, l’evento è stato organizzato lo scorso ottobre dall’Associazione Stupor Mundi di cui Roberto Semprini è Direttore Artistico. Una appendice alla popolare manifestazione ragusana, che nasce con lo spirito di promuovere un rapporto sempre più stretto tra arte, architettura e design. Al centro dell’iniziativa, il convegno dal titolo “Arte & Design a supporto dei Patrimoni dell’umanità in Italia”, presentato dal Dott. Cesareo Troia, Assessore alle Radici della città di Andria e patrocinato dal dipartimento cultura e turismo della regione Puglia. A cui ha partecipato anche l’Ordine Architetti Barletta Andria Trani.

Roberto Semprini, che ha mostrato come il design italiano può amplificarne il “segnale di trasmissione” del suo linguaggio se collocato nella giusta “cassa di risonanza”, intesa come qualsiasi manufatto architettonico patrimonio culturale della nostra penisola. Ne è una dimostrazione l’importante successo ottenuto del Festival del Barocco e Neobarocco di Ragusa e ormai prossimo alla terza edizione, che per una settimana ha popolato e animato alcuni tra i più belli edifici barocchi della città, anch’essi patrimonio dell’Unesco.

Spazio poi al punto di vista delle aziende, con Gianluca Migliorino, CEO e Direttore Creativo del brand MIGLIORINO Design, che ha parlato di rivestimenti di design e arredi sartoriali. Il tutto accompagnato dall’allestimento di un inconsueto livingproprio nella cornice del castello, reinterpretando per l’occasione la capsule collection Stupor Mundi, nata dalla collaborazione tra l’azienda di Andria e l’architetto Semprini.

featuredmodelfacebook728x90

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*