TEMPO LIBERO GUSTO

IDEALE PER BRINDARE ALL'ESTATE 

“Surge in vermena e in pianta silvestra”, così scrive Dante nel XIII Canto dell’Inferno. Proprio da vermena sembra derivare il nome Vermentino, “ramoscello giovane, sottile e flessibile”. Etimologia incerta, così come le origini che collocano le radici di questo vitigno in Spagna o Francia e da lì, pare, abbia poi preso il largo per Corsica, Sardegna, le coste liguri e la Toscana e approdi di minor rilievo, come in Piemonte. Assumendo di volta in volta un nome differente: Rolle in Provenza o Vermentinu in Corsica, Pigato in Liguria, Favorita in Piemonte. Appellativi differenti, ma un’anima condivisa: ama il mare, solare e gioioso, fresco e beverino.
E proprio come la Verbena, giovane e flessibile. Se fosse un lessico enoico, sarebbe una chiacchierata colloquiale, quelle parole calde e sincere che si spendono tra amici, di vecchia e nuova data.

A dispetto della natura che lo vede a suo agio in ambienti dove prevale il bel tempo, sorprendentemente il primo produttore mondiale di Vermentino è la Francia. Dove però viene considerato principalmente un’uva da taglio.
In Italia, al contrario, il ramoscello si fa albero ed è quasi sempre trattato “in purezza”, costruendo un legame preferenziale con tre regioni: Sardegna, la Liguria o la Toscana. E proprio sulle terre soleggiate e collinari della Costa d’Argento, nella maremma toscana, nasce il Vermentino di Monteverro. E’ il bianco dell’estate, fresco e fruttato, profuma di erbe e fiori estivi.





“L’annata 2019 è stata tardiva perché fresca” - ha spiegato Matthieu Taunay, enologo della cantina gioiello di Capalbio - “Questo gli ha donato un ottimo equilibrio tra acidità e aromi”.
Basta un sorso per sentire gli agrumi (pompelmo, lime), la pesca bianca, la mandorla verde e lasciarsi affascinare da leggere note esotiche (litchi). “Denota una bocca ben bilanciata tra freschezza, morbidezza, sapidità e lunghezza aromatica” - ha aggiunto Matthieu.

Un’armonia di profumi e sapori, perfetta per brindare all’estate, leggero e delicato è espressione della gioia di vivere italiana. Mai come ora si sente il bisogno di riscoprirla!  Il suggerimento? Come aperitivo o in abbinamento con frutti di mare.

L’annata 2019 sfoggia una veste grafica rinnovata, fresca ed evocativa: un pesce, simbolo contemporaneo di una vitalità unica, all’insegna del colore. L’immagine è la perfetta espressione dei vini che rappresenta e della cifra del poliedrico artista che l’ha creata in esclusiva per Monteverro, Bruno Pellegrino.

 

Per la pubblicità su www.uomooggi.it

Info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

FEATURED MODEL

Chiara S (featured model)
Ferragosto 2020 con Marco Sacco
FERRAGOSTO 2020 CON MARCO SACCO Un giardino che si affaccia su uno ...
Banner
Banner
Banner

SPECIALI AZIENDE

Tenuta in Gallura
TENUTA IN GALLURA Tenuta con vigneto in Gallura sita a 20 km ad ove...